Bouganville in vaso: coltivazione, cura e potatura

Bouganville in vaso: coltivazione, cura e potatura

La bouganville è una pianta originaria dell’America del Sud, in particolare delle zone tropicali e sub-tropicali di Brasile, Perù e Argentina meridionale, particolarmente famosa per il suo aspetto spettacolare, dai colori vivi e sgargianti. D’estate, in particolare, è facile trovare su porticati, terrazze e pompeiane, rigogliose bouganville in vaso che danno spettacolo e creano una tipica atmosfera mediterranea, trasformando qualsiasi angolo in un’esplosione di colori.

In realtà con il termine bouganville ci si riferisce ad un genere di piante fiorite, Bouganvillea, appartenente alla famiglia delle Nyctaginaceae, che conta circa 18 specie differenti. Andando a coltivare bouganville in vaso, bisogna sempre tenere conto che è una pianta in grado di svilupparsi molto rapidamente, raggiungendo anche altezze considerevoli, fino a 12 metri, arrampicandosi su altre piante o supporti artificiali.

Coltivazione bouganville in vaso

La bouganville è una pianta vigorosa e semplice da coltivare, in grado di produrre una rigogliosa cascata di rami, foglie e fiori colorati. La coltivazione della bouganville può avvenire per seme, per travaso della piantina oppure tramite talea. Quest'ultima opzione è quella più comune: vediamo allora come coltivare la bouganville in vaso, partendo da un rametto di una decina di centimetri.

Una volta individuato un ramo della pianta madre adatto, bisogna asportarlo e trasferirlo direttamente in un piccolo contenitore che presenti un terreno adatto. Il terriccio per bouganville in vaso ideale è composto da una miscela di sabbia e torba, possibilmente comprensivo di sassolini e compost e ben drenato, con un fondo composto da un letto di ghiaia e cocci oppure di palline d’argilla, dal momento che la bouganville non ama i ristagni, che possono causare marciume delle radici. Nell'arco di tre settimane la pianta sviluppa le radici e deve essere trasferita nella sua collocazione definitiva.

Sia che si scelga la propagazione per talea, che la coltivazione a partire dai semi oppure il travaso, tutte queste operazioni devono essere effettuate in primavera, quando le condizioni climatiche sono ideali per il ciclo vitale della bouganville.

Lo sviluppo della pianta varia a seconda delle diverse condizioni climatiche. Infatti, nelle zone dai climi più caldi e soleggiati, la fioritura bouganville in vaso risulta sempre più rigogliosa. Si tratta di una pianta che ama particolarmente il sole ed è fondamentale, per favorire la produzione dei caratteristici fiori colorati, che possa crescere in una zona molto soleggiata. La bouganville in vaso, infatti, non fiorisce se collocata in una zona che è prevalentemente in ombra.

Inoltre, si tratta di una pianta che soffre molto il freddo e, in particolare, le gelate invernali. Infatti, la bouganville in vaso in inverno deve essere protetta, coperta in caso di freddo intenso e portata in una zona riparata.

Bouganville in vaso cure necessarie

La bouganville necessita di annaffiature periodiche solo durante il periodo estivo, quando fa molto caldo. Si tratta di una pianta che sopporta bene la siccità e che deve essere annaffiata solo quando il terreno risulta bene asciutto, per evitare ristagni e marciume delle radici. Durante i mesi più freddi, infatti, bisogna annaffiare il terreno solo sporadicamente, aumentando però la quantità d'acqua in maniera graduale in concomitanza con la ripresa del periodo vegetativo.

Per favorire la crescita e la fioritura della pianta, è possibile concimare la bouganville ogni due o tre settimane, utilizzando un concime organico per piante fiorite che apporti azoto, fosforo, potassio ed altri microelementi utili a supportarne lo sviluppo. Molto indicato anche il concime liquido da diluire nell’acqua per le annaffiature.

Se notate che la bouganville in vaso perde foglie durante l'inverno, non preoccupatevi, è assolutamente normale. L'importante è che con il freddo non perda i rami e che non subisca gelate alle radici. Per questo motivo, se non è possibile tenerla dentro casa, proteggete il vaso con un materiale isolante che aiuti a mantenere la temperatura, lasciando però traspirare il terreno.

La bouganville è una pianta molto resistente e, in genere, non viene colpita in maniera eccessiva da insetti o malattie fungine, anche se, a volte, può subire l’attacco da parte degli afidi.

Potatura bouganville in vaso

Quando potare bouganville in vaso? Normalmente è bene intraprendere le operazioni di potatura della pianta verso il mese di febbraio, ma in zone dal clima particolarmente rigido può essere indicato anche anticipare la potatura alla fine dell'autunno, in maniera da proteggere la pianta in caso di freddo intenso. Ad ogni modo, la potatura della bouganville deve essere sempre effettuata al termine di ogni fioritura, in maniera che la pianta possa rinnovarsi.

Vediamo come potare la bouganville in vaso: bisogna eliminare tutti i rami secchi e spuntare gli apici, in maniera che l'aspetto cespuglioso della pianta sia poi regolare. Se la bouganville è rampicante o adagiata ad un pergolato, bisogna tagliare i rami più deboli o irregolari per circa un terzo della loro lunghezza, utilizzando forbici ben affilate e con tagli leggermente obliqui rispetto ai rami stessi. Conviene sfoltire abbastanza la chioma della pianta. In questo modo la crescita si concentrerà su un numero di getti minore, ma consentirà uno sviluppo più vigoroso.

Vai all'articolo precedente:Potatura rosmarino: come e quando farla per avere una pianta rigogliosa
Vai all'articolo successivo:Potatura gelsomino: come e quando farla
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image