Cosa piantare a giugno nell'orto

Cosa piantare a giugno nell'orto

Giugno è senza dubbio il mese che, per definizione, anticipa la stagione estiva, anche nell'orto. Il tipico caldo estivo scongiura infatti il rischio delle temute gelate tardive, permettendo di coltivare una notevole ed eterogenea varietà di ortaggi senza tuttavia dover ricorrere all'utilizzo di un semenzaio, che di norma viene invece sfruttato in particolar modo nei periodi più freddi proprio per anticipare lo sviluppo e la crescita delle colture.

Orto cosa piantare a giugno

Cosa piantare a giugno? Quali ortaggi presentano una resa ottimale proprio in questo periodo? Ecco una serie di consigli utili e suggerimenti per ottenere con facilità un orto rigoglioso e proficuo proprio durante il primissimo mese della tanto sospirata stagione estiva.

Cosa coltivare nell'orto a giugno

Coltivare l'orto a giugno prevede una preparazione del terreno con la motozappa o con il motocoltivatore, per rendere il terreno pronto ad accogliere i semi e le piantine che utilizzeremo. Tra le colture di questo periodo possono essere inclusi eccezionalmente, oltre alle classiche verdure di stagione, sempre presenti nelle nostre tavole tipicamente estive, anche una serie di ortaggi che, al contrario si riveleranno protagonisti del raccolto autunnale: ogni tipologia di cavolo, dal cavolfiore alla verza, passando per il cavolo nero, così come i porri e le zucche sono solo alcuni esempi. Cosa piantare nell'orto a giugno? Sicuramente non devono e non possono mancare le erbe aromatiche: giugno rappresenta il mese più favorevole per coltivare prezzemolo, salvia e basilico.

Nonostante per gli ortaggi tipicamente estivi sia preferibile la coltivazione attuata nei mesi di aprile e maggio in modo tale da assicurare una resa migliore a lungo termine, ci si può comunque facilmente orientare verso semine che possono essere coltivate per gran parte dell'anno: è il caso ad esempio delle insalate come rucola, lattuga, cicoria, soncino e ancora ravanelli e carote.

Seguendo inoltre il calendario lunare, raccomandazione utile per garantire una coltivazione produttiva e ben sviluppata, è preferibile seminare durante il periodo di luna crescente tutte quelle specie che prevedono come edibile la parte aerea, quali le piante da bacca o da frutto, poiché tale fase lunare favorisce lo sviluppo della parte fogliare e fruttifera. Con la luna calante invece sono maggiormente indicate le cosiddette verdure sotterranee, cioè quelle costituite da bulbo e radici, e quelle da foglia.

Giugno cosa piantare nell'orto

Cosa piantare nell'orto il mese di giugno? Gli ortaggi da piantare a giugno sono davvero molteplici, tutti adatti ad assicurare una resa ottimale in termini di sviluppo e crescita. Giugno rappresenta il momento più adatto per coltivare specie quali l'aglio, gli asparagi, le bietole, le carote, i cetrioli, le cipolle, i fagioli, i fagiolini, i finocchi e le insalate di vario genere.

Nell'orto cosa si può piantare a giugno? Qualora si prediliga alla semina la scelta di piantine già pronte da crescere, seguendone scrupolosamente l'adattamento nel terreno, è possibile optare ad esempio per le melanzane, le patate, i peperoni, il prezzemolo, il basilico, la menta, l'origano, e ancora la rucola, i piselli, i pomodori, i ravanelli, il sedano e le zucchine. In questo particolare periodo, molte zone d’Italia dal clima particolarmente favorevole prevedono la raccolta tardiva di fave, radicchio e lattuga, unitamente ai carciofi.

Cosa seminare nell'orto a giugno

Cosa seminare a giugno? Molte delle varietà di ortaggi citati precedentemente possono essere anche seminate, avendo cura di preparare adeguatamente il terreno in precedenza, integrandolo con minerali ed elementi necessari ad ottimizzarne la crescita e lo sviluppo. I semi a disposizione sono prevalentemente volti alla coltivazione di ortaggi a foglia, quali ad esempio le barbabietole, sia da coste che da taglio, radicchio e scarola ma anche basilico, prezzemolo, indivia riccia si prestano a tale scopo.

Non mancano poi eccezioni quali le carote, i finocchi , i porri, il sedano e le zucchine, specie che sono in grado di garantire una riuscita ottimale anche sotto forma di seme e non necessariamente di piantina volta al successivo trapianto. Se preferite la semina, potete affidarvi alle seminatrici manuali, che permettono di distribuire velocemente qualsiasi tipo di seme, grazie ad un preciso sistema di dosaggio.

Cosa trapiantare a giugno nell'orto

Chi invece predilige optare per la coltivazione di piantine già sviluppate, può dedicarsi in tutta tranquillità al trapianto di specie quali ad esempio il basilico, i cetrioli, la cicoria, fagioli e fagiolini, e ancora le lattughe, i meloni, i pomodori, i piselli, le rape, la valeriana, le zucche, i peperoni, i peperoncini piccanti e ancora quelli verdi. E’ possibile porre inoltre a dimora anche le piante di mais da pop corn: in questo caso le piccole piantine possono essere acquistate presso vivai specializzati, oppure in alternativa fatte sviluppare in autonomia attraverso la germinazione.

In ultimo, nel mese di giugno è possibile trapiantare tutti gli ortaggi e le verdure seminate in precedenza, magari verso la metà di maggio, ponendo le piantine all'interno di appositi contenitori alveolati oppure direttamente nel terreno. E' infine possibile procedere col trapianto nell'orto delle piantine di basilico, della bietola da orto, del cardo, del cavolo cappuccio estivo-autunnale, delle molteplici specie di insalate e radicchi, del sedano,dei fagioli, dei pomodori tardivi e in ultimo di zucche e zucchine. Seguendo scrupolosamente tutti gli accorgimenti del caso, sarà dunque possibile ottenere con facilità un orto rigoglioso e produttivo a prescindere dal metodo di coltivazione scelto.

Vai all'articolo precedente:Fresare il terreno: come e quando farlo
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image