Fresare il terreno: come e quando farlo

Fresare il terreno: come e quando farlo

Preparare adeguatamente il terreno per le coltivazioni è una fase molto importante, in quanto da questo dipende la crescita rigogliosa delle piante. La fresatura rientra tra le lavorazioni che l’uomo esegue proprio per rendere il terreno adatto ad accogliere le piante. Ecco tutto ciò che c’è da sapere su come fresare il terreno, quando farlo e come effettuare la lavorazione, se a mano o con gli attrezzi.

Come fresare il terreno

Prima di approfondire l’argomento su come fresare un terreno, è importante capire in cosa consiste la fresatura. Si tratta di una lavorazione che permette di sminuzzare e rimescolare gli strati superficiali del terreno servendosi di macchinari dotati di dischi rotativi e discissori. La fresatura raggiunge la massima profondità di 20 centimetri ed elimina alcuni tipi di erbe infestanti proprio grazie al rimescolamento dei residui delle colture precedenti al terreno, che trasforma in concime organico, apportando benefici al terreno.

La fresatura del terreno può essere effettuata sia su spazi ridotti che su spazi ampi e dalle dimensioni del terreno dipende la scelta dell’attrezzo da usare, oppure, se si vuole, si può eseguire il lavoro a mano.

Come fresare il terreno senza motozappa

È possibile fresare il terreno senza motozappa? Certamente, basta armarsi di coraggio e procedere a mano. E come fresare il terreno a mano? In passato, o per meglio dire prima dell’avvento dei mezzi meccanici che facilitano di gran lunga il lavoro, la fresatura si eseguiva con la zappa, e ancora oggi, soprattutto se si tratta di piccoli appezzamenti di terreno, sono molte le persone che eseguono questa lavorazione manualmente.

Lo strumento principale per fresare è la classica zappa composta da una lama che può avere varie forme e dimensioni, infatti può essere rettangolare, a trapezio con la punta più stretta, a ‘V’ e appuntita, ideale per terreni più compatti, o ancora triangolare con punta larga e arrotondata per terreni di impasto medio.

Quali attrezzi usare per la fresatura meccanica del terreno

La fresatura meccanica del terreno è ideale per appezzamenti di grandi dimensioni e consente di risparmiare tempo e fatica. Tuttavia, oltre agli attrezzi agricoli motorizzati, ideali per lavorare grandi estensioni di terreno, esistono anche attrezzi utili per fresare terrenti più piccoli, facili da utilizzare, che sono la motozappa e il motocoltivatore, perfetti per chi desidera lavorare anche un orto piccolo e non vuole eseguire il lavoro di fresatura con la zappa perché troppo stancante. Ecco quali scegliere a seconda del terreno:

  • Fresatura terreno argilloso – optare per un motocoltivatore con una meccanica di buona qualità e prima di fresare migliorare la struttura del terreno aggiungendo torba e sabbia.
  • Fresatura terreno sabbioso – in questo tipo di terreno per la fresatura l’ideale è scegliere un motocoltivatore che sia facile da manovrare e sicuro.
  • Fresatura terreno sassoso – per fresare il terreno sassoso scegliere la motozappa, possibilmente un modello leggero e maneggevole.

Come eseguire la fresatura terreno con motozappa

Dotata di un motore a scoppio che fa muovere due serie di lame ricurve che penetrano nel terreno grazie al movimento rotatorio, la motozappa è un attrezzo che viene frenato nel suo incedere dal rostro, una struttura in metallo posizionata nella parte posteriore. Il rostro consente alle lame di arrivare a fondo e sminuzzare il terreno.

Per procedere nella fresatura del terreno con la motozappa e lavorarlo bene senza intoppi il segreto è quello di avanzare lentamente. In questo modo il terreno diventa morbido e soffice ed è pronto per la semina. Per proseguire lentamente con l’attrezzo montare il rostro e premere sui manubri, facendolo affondare.

Come fresare il terreno con motocoltivatore

Dotato di frese e di ruote, il motocoltivatore è un attrezzo motorizzato ideale per fresare il terreno rapidamente e con una velocità costante. Non è pesante come la motozappa, anche se richiede una certa pratica e costa anche più della prima, però comprende anche accessori come la barra falciante, l’aratro rotativo e diventa un trattore a tutti gli effetti.

Con il motocoltivatore si possono eseguire anche altri lavori come falciare l’erba inserendo un trinciatore, oppure è possibile rigirare la terra applicando un piccolo aratro. Insomma, con questo attrezzo è possibile arare la terra senza spossarsi, e in più ha anche le ruote, per cui è anche più sicuro della motozappa.

Quando fresare il terreno

È fondamentale sapere qual è il periodo fresatura terreno più adatto, per evitare che i mezzi meccanici si possono impantanare. Evitare quindi la fresatura terreno bagnato, poiché sia la motozappa che il motocoltivatore diventano così pesanti che non riescono a sminuzzare le zolle. Evitare anche di fresare terreno duro, perché non è possibile lavorarlo in quanto arido e secco.

Il miglior momento per fresare il terreno è quando è umido e le zolle sono facili da sgretolare perché friabili. Di solito la fresatura del terreno si esegue nella stagione primaverile, periodo ideale per piantare le colture e assicurare una crescita rigogliosa alle piante visto l’avvicinarsi dell’estate, ma può essere effettuata anche in autunno o in inverno, per coltivare altre piante.

Vai all'articolo precedente:Cosa seminare ad aprile nell'orto: scelta di piantine e ortaggi
Vai all'articolo successivo:Cosa piantare a giugno nell'orto
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image