Crea il tuo impianto di irrigazione in pochi semplici passaggi

22 Aprile 2017
Crea il tuo impianto di irrigazione in pochi semplici passaggi

Irrigare il nostro giardino manualmente può essere una buona soluzione ma è anche la migliore? Una soluzione più efficace è l'impianto di irrigazione. Pratico, preciso e riesce ad irrigare l'area in modo omogeneo senza lasciare pozzanghere sul terreno. Ma come si crea un buon impianto d'irrigazione? Scopriamo insieme tutto quello che c'è da sapere su questo argomento.

Perchè un impianto di irrigazione è migliore alla normale innaffiatura?

Il metodo migliore di irrigazione conosciuto al mondo è la pioggia e per quanto l'uomo sia abile e pratico nel settore è molto difficile che riesca a riprodurre esattamente questo effetto, cosa che invece un impianto di irrigazione può fare alla perfezione. Infatti, oltre ad essere pratico, garantisce un'innaffiatura omogenea su tutto il prato senza saltare nessuno spazio e senza il rischio di creare pozzanghere sul terreno.

Come si crea un buon impianto di irrigazione?

Prima di creare un impianto di irrigazione bisogna essere a conoscenza della portata e della fonte dell'acqua, del tipo di pompa a nostra disposizione e della planimetria del nostro giardino. Questi fattori sono fondamentali per individuare quali prodotti servono per costruire il nostro giardino e come disporli. Per conoscere facilmente la portata d'acqua possiamo effettuare un semplice test: ci muniamo di un normalissimo annaffiatoio da 10 litri e osserviamo quanto tempo ci mette a riempirsi. Se viene riempito in 20 secondi sappiamo che la portata dell'acqua sarà di 30 litri a minuto. Invece la planimetria ci tornerà utile per iniziare a predisporre il nostro impianto. La prima cosa da fare è posizionare un irrigatore su ogni angolo del nostro giardino in modo da avere tutti gli angoli coperti e successivamente posizionarne altri in modo da coprire l'area che è rimasta scoperta. Per essere sicuri del vostro progetto vi consigliamo di usare un compasso in modo che il raggio di ciascun irrigatore sia esatto. Questo procedimento è il più delicato perchè sarà la base per il nostro impianto. Se siete alle prime armi potete chiedere consiglio riguardo al vostro impianto a noi di Centro Verde, la nostra assistenza è sempre a vostra disposizione.

Iniziate a scavare uomini!

Ora che sappiamo cosa ci serve per il nostro impianto possiamo iniziare a dare una forma più "fisica" al nostro progetto. Munitevi di paletti e filo e posizionateli sul vostro giardino in modo da riportare il disegno del vostro progetto. Il paletto indicherà il punto dove sarà posizionato l'irrigatore mentre il filo starà a indicare il tubo di collegamento. Una volta completata questa operazione possiamo procedere a scavare fino a raggiungere una profondità di 20 - 25 cm. Giunti a questo punto dobbiamo procurarci il tubo, ma quale tubo bisogna scegliere? Questa decisione dipende dalla portata della vostra acqua e da che tipo di impianto volete effettuare. Per un normale giardino con una portata d'acqua di 30 - 40 Lt a minuto servirà un tubo di 25 - 32 mm di diametro mentre nel caso di un giardino in terrazzo avremo bisogno di un tubo da 16 mm. Detto questo posizionate il tubo in politilene parallelamente ai paletti e al filo, in questo modo avremo un punto di riferimento su dove forare il tubo e mettere i raccordi per i nostri irrigatori. Una volta posizionati i raccordi possiamo procedere con l'applicazione degli irrigatori.

Qual è l'irrigatore più adatto alle mie esigenze?

Esistono diversi tipi di irrigatori sul mercato: irrigatori regolabili che vanno da 0° a 360° adattandosi così anche ai giardini più bizzarri, gli irrigatori a testina fissa da 90° e 180° che riescono ad irrigare aree di varie dimensioni senza problemi tornando molto utili in caso di vialetti, pavimentazioni esterne o in presenza di siepi e aiuole. Infine, per irrigare solamente il prato, sono adatti gli irrigatori a 360°. Nel caso di giardini molto grandi vi consigliamo di usare degli irrigatori a turbina regolabili da 30° a 360° in modo da coprire facilmente ogni spazio del vostro giardino. Ora che vi siete procurati gli irrigatori posizionateli allo stesso livello del terreno, nel caso dovessero essere più alti regolateli tagliando la prolunga filettata. Assicuratevi che i vostri irrigatori siano dell'altezza giusta e procedete aprendo l'acqua per togliere eventuali residui all'interno del tubo. Alla fine del tubo andremo a posizionare una valvola di drenaggio evitando cosi eventuali gelate invernali.

E le acque si aprirono

Ora che il nostro impianto di irrigazione è stato montato non resta che provarlo. Assicuratevi che l'impianto funzioni e che non vi siano perdite. Se vi sembra funzionante potete procedere interrando il tutto. Vi ricordiamo che la valvola di drenaggio deve stare in superficie per svuotare l'impianto a meno che non sia automatizzata. In questo caso vi consigliamo di mettere della ghiaia sul punto dove viene posizionata per garantire la sua efficenza al 100%. Colleghiamo il tubo alle nostre elettrovalvole e procediamo alla sua programmazione attraverso la centralina di controllo. Esistono diversi tipi di centralina a seconda delle necessità dell'utente. Giunti a questo punto possiamo impostare il nostro impianto di irrigazione e goderci lo spettacolo!

Il Consiglio di Centro Verde

Esistono prodotti veramente efficaci che si possono inserire in un impianto di irrigazione come per esempio l'irrigatore Gardena AcquaContour. Questo prodotto ha un angolo di lavoro regolabile fino a 360° e riesce a dividere il vostro giardino in settori. Ciascuno di questi può essere regolato in modo tale che copra solamente quello spazio riuscendo così ad irrigare in modo omogeneo tutta la vostra area. Questo irrigatore torna utile se avete un giardino irregolare e difficile da gestire con un normale impianto d'irrigazione.

 

Lasciateci la vostra opinione e condividetele con noi!

Avete già creato il vostro impianto d'irrigazione? Come vi trovate? Condividete con noi la vostra esperienza lasciandoci un Commento.

Vai all'articolo precedente:Tagliaerba tradizionali vs robot. Quale scegliere?
Vai all'articolo successivo:Come creare un buon impianto d'irrigazione a goccia
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su
Cookie Image