La manutenzione degli attrezzi manuali

17 Novembre 2017
La manutenzione degli attrezzi manuali

I tuoi attrezzi da giardino non sono ridotti molto bene? Ruggine e lame scheggiate hanno ridotto notevolmente la loro efficacia? Non ti preoccupare, con questa guida riuscirai a far tornare i tuoi attrezzi da giardino come nuovi in soli 3 semplici passaggi!

1) Pulizia 

La prima operazione fondamentale per avere attrezzi da giardino sempre nuovi ed efficaci è la pulizia! Questo punto dovrebbe essere eseguito dopo ogni utilizzo per diversi motivi:

  • Disinfettare la lama da eventuali funghi, batteri e malattie che potrebbero essere trasmesse durante i successivi tagli ad altre piante.
  • Evitare di rovinare la lama a causa della presenza di sporcizia o residui di lavoro.
  • Consentire sempre il massimo funzionamento del nostro attrezzo evitando ostruzioni di qualsiasi tipo.

Se il lavoro che andate a svolgere con i vostri attrezzi non è intenso ma sono lavoretti di poco conto vi basterà eseguire una piccola manutenzione prima del rimessaggio invernale in modo che siano pronti all'utilizzo per il nuovo anno.

Come eseguire una buona pulizia

La pulizia degli attrezzi manuali è un passaggio fondamentale. Munitevi di una spugnetta ruvida o una spazzola da scarpe e iniziate a sfregare dove vedete della sporcizia in modo da togliere il grosso. Successivamente passate con dell'acqua togliendo gli ultimi residui rimasti, ma ricordatevi sempre di asciugarlo dopo aver terminato la pulizia! Infatti l'acqua è molto dannosa per le parti metalliche dei nostri attrezzi perchè li rovina creando degli strati di ruggine in grado di compromettere l'intera qualità dello strumento. Ora il vostro attrezzo è bello pulito e sarà possibile notare l'eventuale presenza di ruggine o meno. Nel caso dovesse esserci vi consigliamo di munirvi di una spugna abbrasiva in lama d'acciaio e sfregatela sulla zona in questione fino a togliere ogni traccia di ruggine. Dopo aver finito la vostra lama sarà bella pulita ma non ancora pronta all'azione...

2) Affilatura

Questo punto sarà il più difficile da eseguire visto che il suo metodo cambia da attrezzo ad attrezzo, per evitare qualsiasi inconveniente li divideremo in categorie.

  • I primi che andremmo a trattare saranno i classici attrezzi a due lame come per esempio i troncarami. Munitevi di una pietra per affilatura e, con un'inclinazione di 45° (60° per forbici e tagliasiepi), seguite la direzione di affilatura della lama. L'inclinazione è importante e non può essere ne inferiore ne superiore a quanto riportato. Infatti un'inclinazione troppo ampia porterà ad una lama fragile, mentre un'inclinazione inferiore causerà un taglio inefficiente. Questa operazione sarà conclusa solamente quando la lama non avrà più sbeccatture e sarà completamente lineare e tagliente.
  • Per quanto riguarda le lame singole come coltelli di varia natura vi consigliamo di sfruttare un'inclinazione di 20°. Ricordatevi sempre di mantenere questa inclinazione evitando così lame fragili o poco taglienti.
  • Invece per gli svettatoi proseguite affilando la lama mobile con un'inclinazione di 40° mentre per la lama fissa adoperate una pietra ad acqua e procedete con un'inclinazione di 90°.

Vi ricordiamo inoltre che se la lama non dovesse essere lineare o perfettamente dritta sarà il caso di utilizzare martello e incudine. Dopo esservi assicurati che entrambe le superfici dei due strumenti siano ben levigate procedete battendo sulla lama fino a quando non risulterà perfettamente lineare. Questa procedura serve per dare più durezza alla lama preparando il filo all'affilatura vera e propria che infatti sarà l'operazione successiva. Ricordatevi sempre di eliminare i residui dalla lama con un panno soffice dopo aver reso la vostra lama efficace come un tempo.

3) Lubrificazione e protezione

Siamo giunti all'ultima operazione ossia la lubrificazione e la protezione dei nostri attrezzi da giardino. Questa operazione serve per rendere libero e sciolto lo strumento come se fosse stato appena comprato, oltre ad offrirgli nuovamente quello strato di antibatterico sulla lama per evitare eventuali trasmissioni di malattie o parassiti. Munitevi di un lubrificante multifunzione e iniziate a spruzzarlo sugli eventuali ingranaggi vicino alla lama, passate con un panno delicato per asciugare eventuali residui e iniziate ad aprire e chiudere lo strumento in modo che il lubrificante riesca ad avere effetto in ogni parte del meccanismo. Una volta aver terminato questa operazione possiamo versare un po' di alcool su un panno morbido e passarlo sulla lama. Questa procedura renderà le lame del nostro attrezzo disinfettate evitando così qualsiasi trasmissione di funghi e batteri tra una pianta e l'altra.

Il Consiglio di Centro Verde

Ricordatevi sempre di depositare i vostri attrezzi in luoghi asciutti e al riparo dopo ogni utilizzo. In questo modo avrete sempre un compagno efficace e pronto all'uso tra le mani privo di ruggine e ben disinfettato!

 

Lasciateci la vostra opinione e condividetela con noi!

Cosa ne pensi di questo articolo? Ti prendi cura dei tuoi attrezzi da giardino? Conosci qualche segreto da condividere con la nostra comunity in merito a questo argomento? Condividi con noi la tua esperienza lasciando un commento.

Vai all'articolo precedente:Come effettuare una buona manutenzione delle nostre motoseghe
Vai all'articolo successivo:Tagliando annuale 2017/2018
Commenti:
2
    graziella
    10/10/2018 10:49
    Grazie per gli ottimi consigli chiari e facilmente attuabili.
    Buona giornata g.
    Centro Verde
    08/08/2019 11:29
    Grazie del suo commento sig.ra Graziella! Ci fa piacere che i nostri Blog le siano tornati utili!
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su
Cookie Image