Motosega elettrica o a scoppio: quale scegliere in base alle esigenze

15 Aprile 2022
Motosega elettrica o a scoppio: quale scegliere in base alle esigenze

La motosega è un attrezzo indispensabile per tagliare o potare gli alberi, ed è largamente utilizzato dai boscaioli ma anche da coloro che curano il giardino con interventi fai da te.

Lo strumento permette di svolgere le operazioni di potatura e di taglio senza troppa fatica in tempi rapidi, anche se si tratta di un gran numero di alberi.

Fra i modelli di motoseghe presenti sul mercato, le tipologie più ricercate, sono a scoppio ed elettrica.

Come orientarsi fra le due versioni? Quale scegliere fra motosega elettrica o a scoppio? Scopriamo le caratteristiche della motosega a scoppio o elettrica e come orientarsi nella scelta.

Come scegliere fra motosega elettrica o scoppio

Per scegliere la motosega più adatta alle proprie esigenze, fra elettrica o a scoppio, bisogna prima conoscere le loro caratteristiche.

Ecco quali sono le caratteristiche di entrambi, per riconoscere quella ideale:

  • Motosega elettrica

La motosega elettrica è dotata di motore elettrico, e poiché ha bisogno di un cavo per l’alimentazione, è indicata per eseguire lavori nelle vicinanze di di una presa di corrente.

La potenza della versione elettrica è generalmente inferiore a quella della motosegha con motore a scoppio, ma in compenso, è molto più silenziosa ed utilizzabile anche in giardino, senza paura di arrecare fastidi ai vicini.

In media, la potenza di una motosega elettrica può arrivare a 2000 watt, a 220 volt con alimentazione, ha una lama lunga dai 30 ai 40 cm e pesa tra i 4 e i 6 kg.

Questo tipo di motosega non necessita di particolare manutenzione, si tratta solo di cambiare le spazzole quando sono usurate e controllare regolarmente il cavo di alimentazione per verificare se è integro.

È indicata per un utilizzo non professionale, la motosega elettrica si rivela invece particolarmente utile per tagliare e potare alberi piccoli.

  • Motosega a scoppio

La motosega a scoppio, può essere alimentata a benzina se possiede un motore a due tempi, oppure con miscelatore di olio separato se dotata, invece, di un motore a quattro tempi.

Sul mercato sono presenti in svariati modelli, che differiscono per cilindrata e livelli di potenza.

Quelle di cilindrata maggiore consumano ovviamente più carburante, ma sono più potenti e consentono di effettuare facilmente tagli anche su rami robusti.

Particolarmente adatta per uso professionale, la motosega a scoppio ha anche lame di lunghezza notevole, a partire dai 45 cm, che nei modelli più potenti possono superare anche i 55 cm.

A differenza di quella elettrica, la motosega a scoppio ha bisogno di manutenzione costante, soprattutto se il modello è quello dotato di serbatoio dell’olio separato, il cui contenuto deve essere controllato di livello.

Per mantenere l’attrezzo sempre efficiente, è anche consigliabile utilizzare oli minerali progettati apposta per questo uso e non immettere lubrificanti che possono far inceppare il motore.

Motosega elettrica vs scoppio

Quale scegliere fra la motosega elettrica e quella a scoppio?

La scelta va fatta in base alle proprie esigenze, e soprattutto a seconda dei lavori che devono essere svoli e dal luogo. Infatti, se hai bisogno di tagliare degli alberi in aperta campagna la scelta migliore è sicuramente la motosega a scoppio, che non ha bisogno di cavo per funzionare puoi portarla praticamente ovunque.

Inoltre, è possibile utilizzarla per scopi professionali, infatti, consente persino di tagliare alberi anche robusti. 

Diversamente, se devi usare la motosega ad uso personale, per tagliare pezzi di legno, oppure per lavorare in un giardino piccolo e potare gli alberelli, quella elettrica è senza dubbio la migliore.

Questa versione, infatti, oltre che essere versatile, è anche molto silenziosa ed è ideale per lavori occasionali e non continuativi. Di conseguenza, se ti serve qualcosa per un utilizzo hobbistico, è certamente la scelta giusta.

Vai all'articolo precedente:Come scegliere un decespugliatore a batteria: tutte le caratteristiche
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su