Potatura limone: come e quando farla per ottenere un buon raccolto

Potatura limone: come e quando farla per ottenere un buon raccolto

Utilizzato in svariate modalità in cucina, il limone è uno degli agrumi più diffusi in Italia. Questo frutto viene utilizzato come condimento, come base per liquori, ma anche spremuto per ottenerne bevande oppure come semplice decorazione. Nonostante la pianta cresca molto facilmente, la discriminante tra l'ottenere un buon raccolto o meno è come si pota il limone, sia che si tratti di alberi oppure di piante in vaso. Scopriamo di seguito i segreti della potatura limone in maniera da avere il miglior raccolto di limoni possibile.

Quando potare il limone

La pianta di limone normalmente sviluppa una chioma folta, ben fitta e ramificata, che va ad inficiare la produzione di frutti. Pertanto, nel corso dell'anno, bisogna effettuare una buona operazione di potatura del limone per ottenere un buon raccolto. Bisogna fare attenzione al periodo di potatura: non si può potare il limone in qualsiasi mese dell’anno, ma bisogna aspettare il momento giusto.

Periodo di potatura del limone

Il miglior periodo di potatura dei limoni è tra febbraio (al sud) e marzo (a nord). In realtà quando potare i limoni dipende dall'andamento climatico, ovvero bisogna evitare sempre il rischio gelate. Per questo potare il limone a marzo al giorno d'oggi, a causa delle gelate tardive, spesso non è abbastanza tardi, in particolare al nord, per qui la potatura spesso slitta tra il mese di aprile (a sud) e quello di maggio (a nord), quando ormai è addirittura iniziata la fioritura. In alternativa, si può potare il limone a settembre, sempre che ci sia un clima mite, non troppo caldo o troppo freddo.

Altri interventi di potatura limone possono essere eseguiti nella fine di giugno e a metà settembre con la cosiddetta potatura estiva. Ad ogni modo, le stagioni in cui le piante resistono meglio alla potatura sono quelle con climi miti e stabili e dunque non eccessivamente freddi o caldi. Di conseguenza bisogna assolutamente evitare di potare il limone a gennaio, quando il freddo rende la corteccia più dura e le ferite sono pio più lente a guarire. I climi temperati rendono la corteccia più morbida e quindi più facile da trattare.

Potatura limoni in vaso

Quando potare il limone in vaso? Le piante in vaso si possono potare con la fine della primavera, ma è possibile continuare a potare gli agrumi in vaso addirittura nei mesi di maggio e giugno con la potatura limone estiva.

Potatura limone: cosa potare e quali rami tagliare

Nella potatura limone bisogna tagliare i rami molto vecchi e legnosi in modo da favorire l’emissione di getti giovani e pronti a produrre nuovi frutti. Allo stesso modo, bisogna potare anche tutti i rami con andamento tendenzialmente verticale e i polloni presenti sul tronco o alla base dato che indeboliscono la pianta e possono penalizzare la produzione di frutti.

La chioma va sfoltita nella parte centrale, eliminando rami secchi e danneggiati, per favorire la penetrazione della luce del sole e dell’aria tra i rami più interni. I rami vanno sempre recisi con un taglio netto, dato che eventuali sfilacciature potrebbero causare malattie.

Bisogna eseguire una cimatura, accorciando i rami di qualche centimetro: soprattutto i rami più alti, per evitarne lo sviluppo eccessivo in altezza, rispettando l’armonia della chioma.

Per evitare malattie, meglio recidere i rami con tagli obliqui così da favorire lo sgrondo dell’acqua. Sarà poi necessario cospargere sui tagli un buon prodotto cicatrizzante, per evitare l’attacco di parassiti e di malattie fungine. Si può usare un prodotto cicatrizzante o del comune mastice per innesti.

Come potare il limone in vaso

Un piccolo albero di limone in vaso produce meglio se impalcato aperto, con la scelta dei rami principali tenuti distanti, conservando da un minimo di 3 a un massimo di 5 branche. È meglio lasciarlo più grande nella parte inferiore piuttosto che nella parte superiore, per permettere alla stessa quantità di luce solare di raggiungere tutte le parti dell'albero.

Eseguite cimature sui rami principali, asportandone pochi centimetri. Da tagliare via sono anche i succhioni (getti che si sviluppano in verticale). In questo modo si va a stimolare lo sviluppo di rametti a crescita orizzontale, un bene per la produzione di frutti e la filtrazione della luce.

Gli agrumi in vaso hanno bisogno di potare le radici almeno ogni tre anni. Questo comporta l'estrazione dell'albero dal suo vaso, tagliando via un terzo dell'altezza delle radici (e quindi della zolla) sul fondo e alcuni cm sui fianchi.

Potatura limone: cosa occorre

Per la potatura dei limoni è bene munirsi di un paio di forbici dalla lama ben affilata e sterilizzata. Se avete piante di limoni che non vengono potate da molto tempo bisogna avere a disposizione attrezzi più specifici come un seghetto o addirittura una motosega per i tronchi secondari o i rami più robusti. Quando si pota il limone è meglio usare guanti e occhiali di protezione: le spine dei limoni fanno molto male.

Vai all'articolo precedente:Come coltivare la salvia: consigli per la cura e la potatura
Vai all'articolo successivo:Innesto limone: le tecniche e i periodi migliori per effettuarlo
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta

 AVVISO:

Le consegne di Centro Verde rimangono regolari in tutta Italia, senza limitazioni!

LoginAccount
Torna su
Cookie Image