Lista Desideri
  
Menu

Coltivare peperoni: come, quando e dove piantare il peperone

6 Febbraio 2021
Coltivare peperoni: come, quando e dove piantare il peperone

Coltivare peperoni non è difficile, e bastano davvero pochi accorgimenti e alcune semplici regole per averli freschi e genuini sulla tavola. Ecco come fare per ottenere peperoni sani e gustosi e sapere quando piantarli.

Come coltivare i peperoni

I peperoni sono fra gli ortaggi più versatili in cucina e sono perfetti per preparare insalate, per farli ripieni e per preparare sughi squisiti. Per coltivare i peperoni è importante sapere che vanno piantati con il caldo e che la coltura presenta un ciclo che coinvolge tre stagioni.

Le piante nascono in primavera, ma si sviluppano maggiormente durante il periodo estivo, quando avvengono anche le prime raccolte. I frutti vengono prodotti anche in autunno e la produzione viene interrotta solo quando arrivano le gelate, intorno alla fine della stagione autunnale.

Per piantare peperoni nell’orto non bisogna quindi avere fretta. Al Sud i peperoni si piantano da fine aprile e si prosegue per tutto il mese di maggio, mentre al Centro-Nord si consiglia di piantarli solamente a maggio.

Dove coltivare i peperoni

La coltivazione dei peperoni può avvenire nell’orto, dove vanno trapiantati nei mesi indicati in precedenza. È importante sapere che dalla semina alla piantina da mettere a dimora occorrono circa 45-60 giorni. Dunque, prima di seminare, è importante capire in quale mese si intende trapiantare le piantine nell’orto.

Per esempio, per piantarle a maggio, la semina deve essere effettuata a marzo. Coloro che non hanno avuto tempo di programmare la semina, ma desiderano coltivare peperoni nell'orto, possono acquistare le giovani piantine direttamente in un vivaio.

In alternativa, per chi desidera coltivare peperoni in serra, può trapiantare le piantine in una serra calda, con una temperatura minima di 15 - 18°C, da febbraio-marzo. Nel caso in cui si tratti invece di una serra fredda, le piantine devono essere trapiantate all'inizio di maggio

Dove piantare i peperoni nell’orto

Se si desidera piantare i peperoni nell’orto, è importante scegliere la giusta esposizione. Visto che la pianta ha bisogno di caldo, bisogna fare attenzione a scegliere posizioni soleggiate. È però opportuno ricordare che quando i frutti sulla pianta sono ancora verdi significa che sono abbastanza delicati e che quindi possono danneggiarsi con i raggi del sole.

La scelta migliore è dunque quella di optare per una posizione in cui al mattino ci sia il sole e nel pomeriggio l’ombra, così da proteggere le piante nelle ore più calde. Una buona idea è quella di ricorrere, nel caso il sole sia troppo forte, ad una rete ombreggiante.

Come coltivare i peperoni in pieno campo

La semina del peperone in pieno campo è consigliata maggiormente nelle regioni meridionali, che sono più calde e soddisfano le esigenze termiche di cui necessita questo ortaggio. Per piantare i semi di peperone in campo aperto, il periodo migliore è fra la metà del mese di aprile e la metà di giugno, quando le gelate sono passate e la temperatura è abbastanza alta.

Occorre, prima di tutto, tracciare delle file distanti fra loro circa 60 – 70 cm e scavare lungo di esse delle bocchette. In ognuna collocare due o tre semi. Per ottenere migliori risultati è consigliabile piantare semi già germinati.

Per farli germinare, bisogna collocarli per un giorno intero in acqua. Dopo averli tolti dall’acqua, è necessario mantenerli in un ambiente piuttosto caldo per una settimana. Quando spunta la piccola radice, i semi sono pronti per essere messi nel terreno.

Il terreno ideale è quello a medio impasto, lavorato in profondità, fertile e con una corretta quantità di calcio. Per germogliare bene, la piantina predilige infatti un terreno ricco, a cui sarà opportuno aggiungere del letame maturo.

Nel corso della stagione vegetativa il terreno deve essere tenuto libero dalle infestanti, eseguendo delle regolari sarchiature, che possono essere: manuali, utilizzando degli estirpatori, o meccaniche, se si ricorre all'utilizzo di motocoltivatori o sarchiatrici meccaniche. Quando le piante sono alte 30-40 cm, bisogna rincalzarle e irrigarle in abbondanza, se le temperature cominciano ae essere piuttosto asciutte. I frutti, infatti, sono ancora più dolci se il terreno si mantiene umido.

Come coltivare peperoni gialli e rossi

Una volta chiarite tutte le fasi necessarie per coltivare il peperone, bisogna capire quando è il momento di raccoglierli. La raccolta di questo ortaggio viene detta scalare, poiché i frutti non maturano tutti nello stesso momento.

 I peperoni si possono raccogliere a partire dal mese di giugno fino alla fine di settembre. Per raccoglierli senza rovinare la pianta, occorre tagliare in modo netto il picciolo vicino al fusto. Nelle regioni meridionali solitamente la maturazione è più precoce, proprio perché le temperature sono più elevate.

I peperoni verdi si possono raccogliere anche prima che diventino maturi, ovvero quando le loro dimensioni sono medie o grandi. Si possono conservare e nel frattempo lasciargli il tempo di raggiungere la giusta maturazione, per poter essere consumati e gustati quando sono più dolci.

Invece, per raccogliere i peperoni gialli e rossi, bisogna attendere che i frutti maturino direttamente nella pianta. Infatti, sono pronti per essere raccolti quando i frutti raggiungono la tipica colorazione della varietà scelta. I peperoni non devono quindi presentare macchie verdi, ma devono diventare tutti gialli oppure tutti rossi.

Vai all'articolo precedente:Coltivare finocchi: dalla semina al raccolto
Vai all'articolo successivo:Potare geranio: come e quando farlo
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta

Gentile Cliente,

stiamo riscontrando alcuni ritardi nelle consegne da parte dei corrieri e a noi non imputabili.

I tempi di consegna della merce acquistata sono dunque da intendersi come indicativi.

LoginAccount
Torna su
Cookie Image