Tipi di filo per decespugliatore: quale scegliere in base alle caratteristiche

28 Novembre 2021
Tipi di filo per decespugliatore: quale scegliere in base alle caratteristiche

Scegliere il giusto tipo di filo per il proprio decespugliatore è il primo passo per mantenere l'attrezzo in ottimo stato, e anche per fare un lavoro ben eseguito, abbinando il giusto strumento a quello che si deve fare.

Pertanto, scegliere il migliore filo per decespugliatore è un'attività meno banale di quello che possiamo credere, perché troviamo sul mercato varie tipologie, sia a livello di forma che di materiali, tutte variabili in base al tipo di pianta che si deve trattare nello sfoltimento.

Vediamo allora una carrellata che ci permetterà di capire quale filo per decespugliatore scegliere.

La tipologia: filo per decespugliatore tondo e quadrato

Una prima distinzione da fare è relativa alla forma del filo che possiamo applicare al nostro decespugliatore.

Troviamo infatti in commercio due principali tipologie di fili, che sono quelli tondi e quelli quadrati, che hanno ovviamente caratteristiche e peculiarità differenti.

  • Il filo tondo per decespugliatore è quello che oppone una resistenza minore all'aria in fase di funzionamento, cosa che rende l'attrezzo meno rumoroso ed affatica meno il motore. Questo tipo di filo applica comunque un taglio piuttosto netto e preciso sulla vegetazione e, grazie alla minore fatica del motore nel farlo girare, è anche il tipo di filo che garantisce la longevità maggiore all'attrezzo.
  • Il filo quadrato per decespugliatore è invece più potente, ma rende anche più rumorosa e faticosa per il motore l'intera operazione di sfoltimento. Il filo quadrato permette di avere un taglio più profondo e riesce ad avere la meglio anche su vegetazione di consistenza più resistente. Questo, però, soffrendo di una maggiore resistenza all'aria in fase di rotazione, affatica maggiormente il motore, lasciando scontare al decespugliatore qualcosa di più sotto il profilo della longevità.

Esiste poi una via di mezzo, che prevede un filo con sezione pentagonale: un giusto compromesso che però al momento è meno conosciuto e presente, rispetto alle due tradizionali tipologie.

Il diametro del filo per decespugliatore

Altra importante caratteristica è quella del diametro, che varia in relazione alla resistenza e alla conformazione della zona che dobbiamo sfoltire o rifinire. Ovviamente, maggiore è il diametro e maggiore sarà anche la forza dell'intera operazione di taglio, quindi per un prato lungamente incolto sarà necessario affidarsi ad un filo grosso e magari quadrato, a differenza di un prato domestico già curato su cui potrà bastare un sottile filo tondo.

Quando si sceglie il diametro, bisogna anche tenere sotto controllo la cilindrata del motore che lo farà girare: se optiamo per un filo grosso e quadrato, dobbiamo essere sicuri di non mandare troppo sotto sforzo il motore, che potrebbe guastarsi e che comunque non farebbe girare adeguatamente il filo, dando vita ad un lavoro mediocre.

Oltre al diametro, diamo anche un'occhiata alla forma: in commercio esistono fili dalla forma seghettata, che permettono una maggiore forza e precisione nell'azione di sfalcio.

Materiale del filo per decespugliatore

Infine, la terza caratteristica, cioè quella del materiale costruttivo. Troppo spesso infatti i dubbi si riducono al domandarsi se il filo decespugliatore è meglio tondo o quadrato, senza soffermarsi su altre peculiarità fondamentali.

  • Il filo di nylon per decespugliatore è quello più comune ed utilizzato, e risulta molto versatile per un normale utilizzo domestico di mantenimento del proprio prato. Attenzione però, perché sulla vegetazione più resistente e su zone sconnesse potrebbe risultare inefficace, per via della sua eccessiva morbidezza.
  • Il filo d'acciaio per decespugliatore è invece ovviamente più robusto e indicato per lavorazioni più complesse. Questa tipologia di filo, grazie proprio al materiale costruttivo, risulta efficace anche nelle zone in cui sono presenti pietrisco e sassi, riuscendo a non farsi ostacolare nell'azione di sfalcio.

Esiste inoltre anche una particolare tipologia a catena, con una vera e propria catena che compie la stessa azione del filo, che però per materiale, peso e diametro è adatta solo per decespugliatori con motori potenti e su vegetazione estremamente ostinata.

Vai all'articolo precedente:Come scegliere un rasaerba a scoppio: i modelli migliori
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su