Come eseguire una buona potatura degli alberi

19 Agosto 2017
Come eseguire una buona potatura degli alberi

Non manca molto all'inizio del riposo vegetativo delle nostre piante. Quando succederà bisognerà rimboccarsi le maniche e iniziare una buona e salutare operazione di potatura per le piante del nostro giardino, ma saremo pronti per quel giorno? Scopriamolo insieme esaminando la potatura sotto ogni aspetto.

Perchè bisogna potare le nostre piante?

Forse non tutti sanno i benefici che possono derivare da una buona potatura. Questa operazione, se fatta bene, permette all'albero di respirare meglio facilitando il passaggio d'aria ed evitando la creazione di funghi o marcescenze. Inoltre, permette una buona crescita della pianta evitando il danneggiamento dell'ambiente circostante o l'ostruzione del passaggio. Un altro vantaggio di un'azione di potatura ben fatta è quello di permettere una fruttificazione migliore alla pianta. Vi ricordiamo però che questa operazione è delicata e se dovesse essere fatta male potrebbe creargli gravi problemi come per esempio il sorgere di malattie o, nei casi più estremi, la morte della pianta. Inoltre, ricordate sempre che ogni tipo di albero ha bisogno delle sue cure e delle sue attenzioni specifiche.

Quando va effettuata la potatura?

La potatura va effettuata durante il periodo di riposo vegetativo della pianta ma questo non nega che, in caso di intemperie o venti forti, qualche ramo possa spezzarsi portandoci così ad eseguire qualche piccolo taglio per la sua salute e la nostra sicurezza. A parte questi casi particolari il momento ideale per svolgere un'operazione di potatura è durante la luna calante. Effettuarla durante questo periodo del mese vi permetterà di ottenere risultati migliori nella sua fruttificazione.

Le tecniche di potatura

Prima di cominciare illustrando i vari tipi di potatura occorre fare una prima grande distinzione tra la potatura di eliminazione con la quale si intende l'asportazione completa dei rami e la potatura di accorciamento o raccorciamento con la quale si intende l'asportazione solamente di alcune parti del ramo per dare forma alla pianta e migliorarne la salute. Di quest'ultima esiste un'ulteriore suddivisione: la potatura libera, ossia quando la forma della nostra pianta resta invariata ma eliminiamo i rami vecchi o improduttivi stimolando la crescita di quelli più giovani o aumentando la produzione in caso di alberi da frutto, e la potatura obbligatoria, cioè tutti gli alberi che necessitano di manutenzione costante e una forma ben precisa (questa tecnica viene spesso usata nell'ambito pubblico proprio per evitare ostruzioni o danni all'ambiente circostante). Oggi parleremo della potatura di accorciamento libera.

Tu stai fermo che al taglio ci penso io

Prima di effettuare qualsiasi taglio sulla vostra pianta vi consigliamo vivamente di affilare bene le vostre lame e di pulirle con una piccola soluzione di candeggina o alcool denaturato per evitare il trasferimento di malattie durante il taglio. Una potatura ben fatta necessita di alcuni piccoli dettagli: 

  • Tagli netti e precisi con attrezzi ben affilati e disinfettati.
  • Evitare assolutamente sbavature della corteccia che si possono creare durante il taglio.
  • Facilitare la cicatrizzazione con dei tagli adeguati o usando prodotti appositi come il mastice da potature.

Iniziamo tagliando i rami intricati o incrociati della chioma che puntano verso l'interno. Per eseguire questa operazione su quelli più piccoli potete usare una buona forbice da potatura mentre per quelli più grandi vi consigliamo un pratico seghetto.

Cadeeeee!

Nel caso vi imbattiate in rami di diametro consistente vi consigliamo di non effettuare un unico taglio ma di procedere attraverso diversi passaggi. Effettuate un taglio a circa 30 - 45 cm dal punto di inserzione del ramo. Successivamente iniziate a tagliare, partendo dalla sua parte esterna, 10 cm alla volta. Questa operazione vi permetterà di non avere troppo peso durante la fine di ogni taglio evitando così di causare un effetto "strappo" della corteccia. Una volta essere arrivati al nodo procedete con un taglio netto di 45 - 60° in modo da facilitare la cicatrizzazione del taglio. Per essere sicuri al 100% potete coprire la zona scoperta con del mastice per potature.

Un nuovo look?

Ora che i rami "dannosi" sono stati rimossi il nostro albero sarà in grado di ricevere più aria e raggi solari all'interno della chioma permettendogli uno sviluppo vegetale più sano, ma il nostro lavoro non è terminato. Adesso procediamo tagliando i rami rimasti a circa 6 - 7 mm dal germoglio orientato verso l'esterno della chioma. Il taglio va effettuato a 45° in modo che protegga la gemma dalle intemperie.

E adesso?

Una volta aver tagliato i rametti che sono nati lungo il fusto dell'albero e che potrebbero ostacolare il vostro passaggio il lavoro è compiuto! È arrivato il momento di fare un po' di ordine. Se possedete una stufa a legna potete creare delle fascine di legna con i rami più sottili oppure usando un biotrituratore potete creare dell'ottimo fertilizzante bio. I rametti e le foglie possono anche essere usati per creare un'ottima pacciamatura per proteggere le radici delle vostre piante in vista dei periodi più freddi.

Il Consiglio di Centro Verde

Ricordatevi sempre che i rami di piccole dimensioni possono essere tagliati senza problemi ma con la crescita di diametro è meglio pensarci sempre con molta attenzione se effettuare un taglio o meno perchè potreste compromettere l'intera pianta. Inoltre, è importate sapere che in circa 2 - 3 mesi il legno asportato della pianta viene del tutto rigenerato, quindi evitate potature aggressive o eccessive perchè vi costringeranno ad aumentare la frequenza di taglio.

 

Lasciateci la vostra opinione e condividetela con noi!

Ti è tornata utile la nostra guida? sei pronto ad eseguire la potatura dei tuoi alberi? Condividi con noi la tua esperienza lasciando un commento.

Vai all'articolo precedente:Malattie e insetti nocivi per il nostro giardino
Vai all'articolo successivo:Come potare una pianta sempreverde
Commenti:
2
    Carlo
    22/05/2019 18:45
    Post interessante! ed istruttivo, oltre che completo.
    Centro Verde
    08/08/2019 11:16
    Grazie sig. Carlo del suo commento! Ci fa piacere che il nostro Blog le sia tornato utile!
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su
Cookie Image