Come proteggere le piante del giardino dal freddo? Con la pacciamatura!

24 Dicembre 2015
Come proteggere le piante del giardino dal freddo? Con la pacciamatura!

Siamo a Novembre e ormai la stagione invernale è alle porte, è quindi tempo di proteggere le piante coltivate in giardino come gli alberi abbastanza delicati o alcune piante dell'orto. Come fare? Scopri i nostri consigli per fare la pacciamatura, un metodo naturale per proteggere le piante dal freddo!

La pacciamatura consiste nel predisporre ai piedi della pianta, in corrispondenza della proiezione della chioma sul terreno, uno strato di materiale naturale (come corteccia di pino, paglia, fieno, resti trinciati di potatura, torba o foglie secche). Questo materiale deve formare uno strato dello spessore di circa 8 – 10 cm, con lo scopo di proteggere le radici dai possibili danni da gelo. Ricorda che i materiali come la torba e la corteccia di pino tendono ad acidificare il terreno, pertanto è preferibile utilizzarli su piante acidofile come azalee, camelie e rododendri.

Questo tipo di protezione è ideale anche per le piante appena messe a dimora. In questo caso, lo strato di materiale naturale deve presentare uno spessore di almeno 15 – 20 cm, in modo che ripari dal freddo le radici. Inoltre la pacciamatura ha la funzione di impedire l’inaridimento del terreno nel caso in cui l’inverno decorra troppo asciutto e / o ventoso.

Pacciamatura: come si fa?

Segui questi passaggi e prova a rifarla nel tuo giardino.

1. Prepara la zona in cui dovrai riporre la pacciamatura tagliando l’erba e lavorando la parte più superficiale con una mini motozappa elettrica o con una micro motozappa a scoppio.

2. Posa direttamente sul terreno un appposito telo per pacciamatura, per riporre il materiale inorganico.

3. Utilizzando un biotrituratore puoi triturare rami, foglie e altro materiale verde direttamente a casa tua. Ne esistono di diversi tipi, ma per un uso domestico ti consigliamo il Biotrituratore Wolf SDE 2800 EVO che tritura rami fino ad un diametro di 45 mm. In questo biotrituratore è incluso il cesto raccoglitore. Oppure una valida alternativa è il biotrituratore Eliet Neo che sfrutta il principio di taglio con ascia: le lame spaccano il legno nel punto più debole riducendo velocemente le schegge dei rami in compost.

4. Una volta che hai ottenuto il composto, utilizza un carriola, preferibilmente elettrica se abiti in zone di pendenza e un rastrello per distribuire il materiale ai piedi delle piante.

Consigli utili prima di fare la pacciamatura

  • Non "pacciamare" in prossimità di getti o tronchi degli alberi, ma lascia un margine di 10 / 15 cm per favorire la respirazione delle piante. Eviterai così anche i ristagni idrici.
  • Nella pacciamatura non introdurre piante malate perché potrebbero intaccare quelle sane.
  • Rinnova ogni anno la pacciamatura quando si sarà degradata o nel caso in cui sia entrata troppo nel suolo.
  • Fai attenzione a non inserire rovi o rose nella pacciamatura perchè potrebbero pungere nel momento in cui spargi la pacciamatura o la togli.

Con questa tecnica risparmierai acqua, isolerai il terreno in vista di temperature estreme, ma soprattutto eviterai la crescita di erbe malsane! Le tue piante saranno protette dal freddo. Al contrario se vivi in zone molto calde d'estate la pacciamatura serve per mantenere l'umidità nel terreno. Ricorda che la pacciamatura con paglia dura molto poco, perché è facilmente biodegradabile.

La pacciamatura può anche avere una funzione decorativa, per creare zone diverse all'interno del giardino. Le piante piccole possono essere anche completamente ricoperte per affrontare meglio l'inverno, purché in primavera la pacciamatura venga completamente tolta.

Stai pensando di mettere nuove piante in giardino? Devi riprogettarlo da zero e pensare al sistema di irrigazione? Passa in negozio o inviaci una e-mail con la planimetria del tuo giardino: penseremo noi al progetto dell’impianto di irrigazione completamente gratuito. Puoi noleggiare da noi anche l'attrezzatura di cui hai bisogno per il tuo giardino.

Vai all'articolo precedente:4 trattamenti fitosanitari da fare in vista della primavera
Vai all'articolo successivo:Come progettare un giardino da soli
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su
Cookie Image