Carotatura prato: come, quando e perché eseguirla

8 Novembre 2021
Carotatura prato: come, quando e perché eseguirla

La carotatura del prato è una pratica che si adotta per dare nuova vitalità ed energie al tappeto erboso.

Si pratica con dei macchinari appositi: le carotatrici per prato sono dei mezzi semoventi dotati di fustelle, che si utilizzano per decompattare la superficie erbosa tramite la foratura del terreno in cilindri di varie dimensioni. In questo modo viene favorito il drenaggio dell'acqua e delle sostanze nutritive in profondità, dando nuovo vigore all'erba che vi cresce.

Solitamente si va a bucare il prato di campi sportivi o prati da golf, mentre per carotatura giardino si intende generalmente di tenute abbastanza estese. 

In base al tipo di prato, si possono calibrare delle carotature diverse, con forature di diverse dimensioni: da quelle simili ad una carota appunto, intorno ai 5-7 centimetri, a quelle più profonde che possono arrivare anche a 40 centimetri. 

Generalmente i prati da golf sono molto più delicati di quelli da calcio, che invece necessitano di una foratura più profonda, in modo da permettere al terreno un assorbimento più efficace di aria e acqua. La crescita dell'erba sarà così più rigogliosa e fitta ed il terreno più resistente, agevolando il rimbalzo, lo scorrimento e la velocità della palla sul campo da gioco.

Carotatura tappeto erboso: come si fa e quali sono i vantaggi

I benefici della carotatura del terreno sono molteplici, indipendentemente dalla finalità del campo.

La bucatura prato:

  • favorisce un corretto drenaggio dell'acqua in profondità, fino alle radici dell'erba;
  • evita il ristagno in superficie;
  • rende più poroso il terreno, favorendo lo scambio di aria e anidride carbonica che sviluppa la crescita dell'erba;
  • permette la scomposizione delle materie organiche e la penetrazione di fosforo e potassio;
  • agevola l'irrigazione e la concimazione, il terreno assorbe più facilmente acqua ed elementi nutritivi.

Prima di procedere all'esecuzione dei fori nel terreno, è consigliato tagliare l'erba e irrigarla sufficientemente in modo da ammorbidire il terreno. Attenzione però a non esagerare: se la superficie risulta troppo bagnata, con la foratura si rischierà di rimuovere più terreno del dovuto. Al contrario, una superficie troppo secca non agevolerà di certo la bucatura.

Inoltre, c'è da considerare il peso del mezzo utilizzato sul manto erboso: è sconsigliato l'uso di pneumatici agricoli, che andrebbero a solcare troppo il terreno (soprattutto nel caso dei campi da golf).

Dopo aver tosato l'erba ed arieggiato il campo, si potrà procedere alla bucatura.

Una volta bucato il prato, si dovrà innaffiare bene nuovamente e concimare il prato, così da aiutare la ricrescita del tappeto erboso. Si dovrà ripetere l'irrigazione ogni due/tre giorni per un paio di settimane.

Il passaggio finale è la sabbiatura o top-dressing: si ricopre il prato con della sabbia, della granulometria adatta per tappeti erbosi, o del terriccio che andrà a livellare la superficie.

Riassumendo, i passaggi sono:

  • falcio dell'erba e irrigazione;
  • foratura del terreno;
  • irrigazione e concimazione (continuare ad innaffiare ogni 2/3 giorni per 2 settimane);
  • sabbiatura o top-dressing.

La sabbiatura serve letteralmente per "tappare i buchi", in modo da rendere omogenea la superficie e il terreno ben drenante. Si esegue con mezzi spargi-sabbia idonei e si conclude il procedimento con un passaggio finale di livellatrice.

Bucatura tappeto erboso: quando carotare il prato

Per non danneggiare eccessivamente il prato, è consigliato procedere alla carotatura del terreno nel momento di massima crescita dell'erba. In questo modo, si favorisce l'attecchire dei nuovi semi, non si compromette la crescita di nuovi germogli andando a recidere giovani radici, e soprattutto, il terreno si rimarginerà in tempi brevi e con più facilità.

Generalmente la carotatura viene svolta ogni due anni o, nel caso di terreni più compatti, una volta l'anno.

Per contenere i costi ed evitare grossi investimenti, è possibile il noleggio di macchinari appositi.

Vai all'articolo precedente:Quali sono i lavori da fare in giardino a novembre
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su